"Bella ciao", Zingaretti e le tre cozze di Desio

La faccia di Montalbano mentre Nicolino canta "Bella Ciao"

In pieno lockdown pandemico gli italiani, rimbambiti, si grattavano i coglioni e cantavano a squarciagola dai balconi. I deputati del Partito Democratico, invece, piano-piano stavano tramando al Nazareno per presentare un progetto di legge che prevedeva di cantare la canzone partigiana "Bella ciao" dopo l'inno nazionale per i festeggiamenti del 25 aprile.

Le priorità, si sa, sono ciò che caratterizza la sinistra italiana. Così, mentre ad Aprile eravamo chiusi come uccelli nelle braghe e le Forze dell'Ordine liberavano droni per inseguire pericolosi runner che correvano da soli sulla spiaggia, i deputati del PD ritenevano prioritario parlare di  Bella Ciao inserita per legge nei programmi scolastici a partire dall'anno 2020/2021. In sostanza, tutti gli alunni d'Italia si ritroveranno, secondo stì dementi, a dover analizzare e cantare in classe la canzone partigiana come i poemi di Omero. Alcuni Deputati del PD avevano proposto anche di dotare le classi di macchine del fumo per riprodurre meglio i drammatici momenti bellici.

Allora quatti quatti e travestiti da Virus i deputati PD si sono calati dai condotti dell'aria condizionata nel Parlamento ed hanno depositato l'epocale disegno di legge chiamato "Bella Ciao". Si perchè, quando si tratta di scorrettezze, quelli del PD fanno scuola: ti prendono una tragedia nazionale, ti c'infilano un'inculata fatta di indottrinamento comunista e la vendono come scuola di libertà.

Ecco, ora, la cronaca drammatica, della riunione e degli eventi successivi che hanno seguito la strategia di questo irrinunciabile disegno di legge:

A Settembre 2020, il Partito dei Poveri Derelitti (PD) durante una riunione minchiatica denominata "Bella Ciao la rivoluzione 2.0", parlando della strategia di chiedere la fiducia sul disegno di legge o inserirlo nel maxi decreto "Incula Italia", per dare il buon esempio, chiede al suo segretario di intonare "Bella Ciao" ogni qualvolta incontra un ospite presso la sede del Nazareno.

Zingaretto, "senza se e senza ma", si dichiara d'accordo con i compagni comunisti e accetta.  

La notizia trapela fra i benpensanti. Appena giunta al Commissario Montalbano, impegnato a Vigata alla soluzione di un caso di malaffare locale, egli chiama Galluzzo e Catarella e gli comunica che dovrà assentarsi qualche giorno per dissidi familiari. Quindi, prende la pistola di scena e, sostituito il percussore, chiama un UBER per andare al Nazareno a sparare al fratello Zingaretto. Ma UBER è sospeso per il Covid per cui il Commissario Montalbano, insieme a Mimì Augello, ripiega su una mangiata di caponatina e pasta 'ncasciata e si dimentica di quell'idiota del fratello.

Quindi, il segretario Zingaretto può, a Roma, continuare a cantare.... "E se io muoio da partigiano, tu mi devi seppellir".....ad ogni compagno/a che incontra nel suo ufficio. Sul seppellirlo i retroscenisti riferiscono di parecchie persone che si sono presentate al Nazareno con il badile e una croce di marzapane.

Lipperlì a Roma, tutto fila liscio. L'irreparabile succede a fine Settembre durante una trasferta politica a Milano per festeggiare il risultato della vittoria delle elezioni mediante perdita delle Marche.. Dopo la milionesima cantata di "Bella Ciao", il meccanismo si impadronisce del povero cervello di Zingaretto che inizia a intonare "Una mattina, mi sono alzato ....." ad ogni persona che incontra per strada.

Giunto alla sezione politica di Cagate con Bernate per festeggiare, al Segretario Zingaretto, vengono regalati tre buoni della Coop validi per l'acquisto di servizi escort forniti da una agenzia specializzata in ragazze facili per politici del PD.

Le ragazze fornite dall'Agenzia, infatti, devono avere precise caratteristiche per essere giudicate attraenti dal target dei vertici del PD:

  • la faccia di Greta Thumberg;

  • il corpo di una contadina ubzeka che fuma;

  • un neo peloso sotto il naso;

  • possedere un' automobile di gamma Glasnost, tipo Zaz Variomatic, Prinz Verde catarro o Skoda Fabia color merda con i sedili di sughero bio degradabile;

  • indossare solo intimo comunista tipo Nilde Iotti Secret, oppure Comunissimi;

  • non depilarsi perchè usare il rasoio è di destra e la crema depilatoria è dei 5 Stelle;

  • partorire un bambino extra comunitario, meglio se siriano, con evidenti segni di fuga dalla guerra;

  • avere lo strabismo di Svetlana cioè due pupille in un occhio.

Il prezzo molto sovietico è di soli 30 rubli all'ora.

Una delle tre belle di notte regalate dalla delegazione PD di Cagate con Bernate a Nicolino

Dopo le riunioni politiche con i compagni lombardi, il Segretario Zingaretto si ritira all'ultimo piano dell' Hotel Spaggliacciov - a 2 falci e 1 martello - situato a Desio. e nel mentre i compagni di Cagate con Bernate si organizzano e catechizzano le tre cozze dell'agenzia: ....  "devi scioglierlo un pochino ... ma se non gli piaci non insistere, esci dalla stanza senza discutere, ti paghiamo lo stesso con il buono della Coop da 30 rubli".

Allora le donzelle salgono, una alla volta, nella camera di Zingaretto il quale ha nel cervello la modalità "canta Bella Ciao".

La prima prova a invogliarlo con ..... "Ho il perizoma, per fare di rincorsa .....", la seconda più ginnica ....... "apro le gambe in maniera agile e flessibile cosi puoi fare di volata", ..... la terza la butta sull'urlo politico "Scopami, scopami, compagno comunista ....". Ma non c'è nulla da fare perchè alla vista della femmina, il Segretario si mette a urlare "O bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao" e le ragazze interpretano che devono uscire. 

Al terzo rifiuto è chiaro che Cagate con Bernate ha speso i buoni della COOP a cazzo e cannato i gusti erotici del Segretario del Partito sicchè i compagni disperati, nonostante la straripante vittoria elettorale con perdita delle Marche, si suicidano con il polonio.

Intanto, in camera, attonito e nudo con una erezione imbarazzante che mette in risalto il tatuaggio sull'uccello, fatto a Capalbio, "D'alema dove sei?", il Segretario piange ed è talmente confuso che passando davanti allo specchio, crede di aver intravisto un ospite in camera; per cui ricomincia a cantare.

Ingrifato come un marinaio dopo 2 anni di sommergibile, Zingaretto piange tutta notte e al mattino viene trovato dalla cameriera dei piani addormentato e appoggiato sulle tre gambe, ubriaco di wodka Veltronòv. Chiamato il 118, Zingaretto nel dormiveglia, quando vede entrare i portantini, inizia a cantare "Bella Ciao" per cui, i tre infermieri della Lega, lo buttano nella tromba dell'ascensore.

Di fronte al disastro di Cagate con Bernate il Decreto legge "Bella ciao" viene ritirato dal PD mentre a Vigata c'è qualcuno sempre più convinto che Zingaretto sia stato eletto a capo del PD perchè scambiato per il Commissario Montalbano !


Le tre fuori serie delle "belle del PD"

Cat woman - CRONACHE DA GOTHAM