Queste proteste non servono a nulla. Ma se ...

27.10.2020

In Italia si ignora che siamo in guerra contro forze Sovra-Nazionali di cui il Governo è schiavo ed asservito

All'interno del mio io, sapevo già che c'erano due anime, quella Americana e quella Italiana. Hanno convissuto, laconicamente diverse, per 55 anni, mai si sono realmente combattute, mai hanno creato bipolarismi insanabili. La retorica della vita ti insegna a sopportare i vari aspetti confliggenti, ti insegna ad usare la tua auto-ironia  e se sei mediamente intelligente cominci a scherzare su te stesso, a metterti in discussione e capire che devi convivere con le tue diverse anime.

Da quando ho deciso di entrare in Politica, intesa come impegno civile e con amore verso gli altri, le mie due anime hanno iniziato la guerra fra loro.

L'Italia è un paese nato per aprire le strade, per insegnare al mondo la filosofia del bello, del magnificiente, dell'individualismo spinto. I migliori diventano splendenti, quasi Dei e insegnanti di vita. Ma lo sono per le generazioni a venire, non riuscendo mai per assenza di identità di POPOLO ad esprimere un vero pragmatismo di gestione del presente.

L'America è inversa, gestisce, opera e risolve, anche con conflitti pesanti, con guerre accese, ma tutte con identità vocata al presente.

Allora in me si scatena una tempesta dove il pragmatismo del presente si scontra con l'ideologismo e la percezione che in Italia il tempo non esista, che tutto si debba sempre rimandare e che il pensiero, chissà quale poi, sia infinito nell'attesa di decidere. Purtroppo questa decisione non arriva mai, non si riesce a convincere le persone a decidere, non si vedono mai i burroni, ci si cade dentro e ci si lamenta.

Questa guerra interna è violenta e faticosa, e mi lascia attonito perchè nonostante io ci metta tutto l'equilibrio e l'energia di cui sono capace non riesco a convincere persone Italiane a FARE QUALCOSA DI VERO.

Il supporto vola alto nelle parole, ma si traduce in pietosi ed inutili individualismi nei fatti. Nessuno ha un vero interesse nel destino dell'altro Italiano: pochi sono disposti a metterci la faccia, la sofferenza, la passione e la soluzione per molti.

Contro le forze Sovra-nazionali nemmeno proteste molto più efficaci di quelle italiane servono a nulla.

Il dramma è che il prezzo di questa insensatezza, lo pagano tutti.

La gente è in piazza per difendere il proprio giardino, è comprensibile ma nessuno si è occupato di dire che cosa succederà dopo che avremo mandato a casa questo Governo di autentici criminali della Politica.

Nessuno alza uno scudo vero verso il declino, come al solito si dice "via questi incapaci", votati dagli stessi che senza pensare li hanno mesi li, ma si fatica a trovare una sintesi sul prossimo futuro. 

NOI DI CENTRO non ci  mischiamo con la polemica inutile di piazza perchè una piazza urlante è segno di Democrazia ammuffita.

Non cambierà nulla perchè siamo di fronte ad un regime. Una Piazza ben più cazzuta che nella storia è nota come Piazza Tien'anmen, non ha risolto nulla. I moti di Hong Kong idem perchè chi è al potere sa bene che il vecchio motto Romano, "Divide et Impera" funziona.


Ristoratori contro dipendenti Pubblici, Polizia contro la gente ed ognuno contro qualcuno. NON SERVE A NULLA. Serve un protesta anche minacciosa, indirizzata verso un obiettivo di corto termine, non con ideologie idiote per i prossimi 30 anni. Chi protesta oggi fra trent'anni sarà morto.

Il virus è l'arma delle forze transnazionali, possiamo combatterle con la violenza inaudita delle idee e solo compattamente.

In Italia non si riesce a spiegarlo. Non si riesce a farlo capire e questo concretizza un epilogo scontato. Così il POPOLO sarà disgregato ed umiliato.

Oggi ci si deve arrangiare nel presente ed unire per il prossimo futuro. Se non si capirà questo, non servirà a nulla e soprattutto ancora una volta la bellezza, la creatività italiana sarà quella dello schiavo compiacente il proprio sovrano aguzzino.

La differenza fra l'unità di un POPOLO ritrovata e consapevole o quella imposta dai Cinesi. E' la scelta che è rimasta al POPOLO Italiano.


Se NDC può dare un piccolo contributo è quello di continuare a battere sull'argomento del TUTTI UNITI almeno per ora.

Speriamo davvero......che succeda!


Paltrinieri RF NDC