I profughi italiani in fuga dalla guerra dei COMUNISTI: ma per andare dove?

È questa la bandiera che volete baciare e difendere?


Agli italiani in fuga dalla dittatura è riservata "l'isola della miseria e della fame".

L'assistenzialismo, la pagliacciata comunista, apre la strada per un nuovo Italiano, che non lavora e sopravvive. Un nuovo Stato in miseria profonda, con i nostri risparmi e le ricchezze a disposizione di pochi.

Basta con il buonismo ed il political correct. I comunisti stanno ribaltando la civiltà e sono un vero cancro dell'umanità, capaci di lotte di razza ed eccidi di massa, di piegare tutto e tutti al loro volere, capaci di mentire su tutto per il loro tornaconto personale.

Tre facce della stessa becera ed antistorica ideologia fascio-comunista

Cari centristi, oggi rompo gli indugi, cercando di indirizzare la nostra discussione su binari precisi, ovvero il nostro programma. Per fare questo, voglio dirvi cosa penso di quello che sta succedendo intorno a noi. Sono lusingato che qualcuno di Voi apprezzi ciò che dico e scrivo, ed è per questo che prima di stringerci le braccia in quello che vuole diventare il più ampio, riformatore, visionario  partito Italiano, dovete sapere cosa pensa colui che, finora, si è preso la responsabilità di tracciare il primo solco.

Ho ascoltato, mordendomi la lingua, le indecenti battaglie delle varie Democrazie Cristiane: su questo ho già espresso il mio pensiero. Ho atteso l'appuntamento organizzato da Rotondi, per vedere se c'erano argomenti che prevaricassero le solite ideologie di schieramento. ne è emersa la volontà di fare un partitino in appoggio alla Lega e Fdi, per aiutare a rovesciare il Governo, vincendo le prossime elezioni.

Aborro questa idea, i centristi e le persone democratiche e cristiane, o democratiche e laiche o appartenenti ad altre religioni che si riflettono nel nostro progetto sono la maggioranza.

Quindi, a me non interessa correre per arrivare quarto ! Non si creda che con il 5 - 7% di voti si conti qualcosa, inoltre il tempo per crescere piano piano non c'è: il burrone è a due metri da noi.

Inoltre, io non odio nessuno e considero gli avversari politici degni e legittimi. Tuttavia, quando l'avversario bara, è scorretto, crudele e falso, allora trovo legittimo trovare il modo di combatterlo senza la necessità di rispettarlo. 

Politicamente, in Italia ci sono due forze: una destra che è una  popolazione variegata composta di liberali, democratici e una sinistra fatta di comunisti. I vari partiti e partitini, alla fine, fanno parte di famiglie precise.

Cosa manca ? Chi parla la lingua del Popolo, ovvero chiama le cose con il proprio nome. Per farlo serve coraggio.

Mattarella  l'uomo che mantiene i Comunisti al potere

Parto dal cosiddetto centro destra.

FDI è posizionato alla destra: ci stà comodo ed è coerente mentre la Lega non serve più a nulla. Ha abbandonato il progetto federale per abbracciare una "cosa mista", ovvero una Lega nazionale antitetica ai valori del partito iniziale e comincia a pagare il grande boom elettorale che non ha saputo monetizzare e mettere a frutto. Pagherà per questa linea politica e, come il lungimirante Giorgetti, dovrà confluire largamente nella nostra famiglia al centro.

Forza Italia segue il declino del proprio leader ma conserva persone di valore. Insieme è un esperimento (ha ormai 3 anni) con a capo Lupi che è un buon navigatore ma non un comandante in capo per combattere la guerra contro i Comunisti.

I capi politici dei Comunisti in Italia: odiatori di professione, ricchi e famosi a discapito di chi dicono di difendere.

Non faccio distinzioni fra i Comunisti - PD, 5Stelle e Leu: sono una maschera perchè  sanno che il nome Comunista crea imbarazzo.

In 30 anni di smembramento dell'Italia, al fine di governarla ed annetterla alla loro pazzia transnazionale, hanno in serie:

1) distrutto il sistema industriale Italiano, utilizzando i Sindacati come bombe deflagranti nello scontro sociale fra imprenditori e dipendenti. Appena questa opera è terminata, ovvero il sistema industriale Italiano è stato smembrato e regalato a cani e porci, i comunisti hanno abbandonato i lavoratori. In questo tempo di Covid dove sono i Sindacati? Ai comunisti di sistema i lavoratori non servono più, li rimpiazzano con immigrati. Questo è il piano e la grande truffa secondo cui comunista significa in "difesa del Popolo lavoratore": la verità è che i comunisti sono i killers del Popolo.

2) Distrutto il sistema educativo - disciplinare dei giovani. I nostri giovani fanno mediamente pena: sono esteticamente brutti, ignoranti, stupidamente legati a stereotipi come uguaglianza e libertà confezionati da una sinistra che li vuole docili e poveri, mancano di profondità e cultura generale.  Non sanno nulla e vanno dietro al primo imbecille che gli regala uno slogan cretino da adottare o "condividere" come pecore senza lana di un gregge che, per essere guidato non ha necessità del cane. 

3) Distrutto la filiera agricola. Hanno soppresso i Consorzi Agrari, aumentato l'assistenzialismo dei contributi PAC, regalato ai francesi la leadership saccarifera, svenduto all'Europa ed ai Francesi la leadership sul lattiero-caseario, implementato filiere criminali a favore delle catene di supermercati comunisti, con in testa la Coop. Distruggendo l'agricoltura hanno distrutto il tessuto connettivo terziario di intere province italiane e comprato voti con assistenzialismi vari. Hanno regalato ad Olandesi e Nord Europei il mercato dell'industria conserviera.

Le rovine degli zuccherifici italiani abbandonati ed il simbolo del potere economico comunista in Italia. COOP il più caro supermercato Italiano che controlla e mantiene sotto scacco le filiere agro alimentari Italiane.

4) Cancellato il sistema finanziario mutuale di Stato. Noi crediamo nella libera impresa ma la privatizzazione delle Banche ha trasformato il sistema finanziario Italiano in un per lo sterminio della classe media, che non votata a sinistra.

5) Distrutto la nostra moneta e la nostra sovranità monetaria, aderendo male all'Euro, con un cambio criminale.

6) Annientato il sistema infrastrutturale italiano, chiudendo aeroporti, regalando le autostrade ai loro sodali e porti a cinesi e tedeschi. Hanno poi scientemente annientato le nostre compagnie infrastrutturali di trasporto, quali Alitalia, Air Italy e Tirrenia.

L'elenco è infinito, ma mi chiedo perchè? 

Perchè il piano dei comunisti è crudele e semplice nel contempo. Questi maledetti strateghi del male sanno comunicare solo con i poveri illudendoli di fare loro del bene. In Italia vent'anni fa i poveri non c'erano e la sinistra era all'opposizione politica e spettatore di un Paese che cresceva. Dopo l'Euro, la strategia prevede di trasformare l'Italia in elite e poveri. I lavoratori sono e saranno superflui perchè, aprendo i porti, verranno sostituiti da profughi e immigrati. Una nuova forma di schiavismo che i giovani, sciocchi e instupiditi, non vedono nè comprendono.

"Le sardine" manovrate dai Comunisti: un gregge con pecore senza lana.

Vorrei che qualcuno si soffermasse a guardare un film che aiuta a capire cosa sta succedendo si chiama Turtles beach (https://www.youtube.com/watch?v=e9doRXGX6T4) e parla dei flussi costanti migratori dal Vietnam verso la Malesia,. Tali flussi scatenarono una disperata e sanguinosissima guerra fra disperati: Malesiani poverissimi che attendevano i profughi Vietnamiti per ucciderli sulla spiaggia. Ecco cosa succederà presto, i profughi extracomunitari saranno uccisi e respinti da iniziative personali e di gruppi locali di Italiani che il declino economico indotto dai comunisti sta trasformando in poverissimi profughi da una dittatura.

GLI ITALIANI RISCHIANO DI ESSERE LA PEGGIOR RAZZA DI PROFUGHI, PERCHÈ DOVRANNO FUGGIRE DA QUESTA DITTATURA COMUNISTA, MA NON SAPRANNO DOVE ANDARE....

Invece, la nuova Nazione dove andare c'è e si chiama Italia liberata dai comunisti.

Quantità crescenti di economisti, intellettuali e pensatori, avvertono sul rischio di una dittatura di razza, comandata dai Cinesi con pochi luogotenenti in ogni Stato, ridotto in povertà. 

Dobbiamo svegliarci e se davvero noi di Centro crediamo ed amiamo la Patria, dobbiamo farlo in fretta e con coraggio. Sarà una battaglia densa di problemi e cruenta e la colpa è nostra perchè ci siamo fatti travolgere da questo declino instupiditi. Serve un guizzo potente in avanti perchè i partitini del 5% non servono a nulla. 

Se volete cambiare, se volete un Italia libera che cresce intorno a grandi Paesi del Mondo  finitela di parlare come se si trattasse di una noiosa partita di bridge. Questa è una guerra: il mio cavallo è ferrato e la mia spada tagliente. Io sono davanti e non ho paura. Voi?

Io voglio un Italia che punti in alto, dove sia un piacere vivere. Non quella vergogna di oggi, resa così dalla furia Comunista e dal pisolino di trent'anni del POPOLO Italiano.


Paltrinieri RF - NDC